MAESTRO COLLABORATORE (biennio ordinamentale)
Corso accademico di II livello

Obiettivi formativi:


Sbocchi occupazionali:
- Maestro collaboratore nel teatro d’opera in tutte le possibili specializzazioni: maestro di sala, di palcoscenico, alle luci, suggeritore, sovratitoli ecc.
- Accompagnatore al pianoforte, maestro di spartito per cantanti.
- Consulenza nelle attività legate alla produzione lirica, ripresa televisiva di spettacoli,
- Organizzazione di concerti, gestione del palcoscenico ecc.
- Docente di discipline musicali negli istituti di formazione musicale.
Diploma Accademico di Secondo Livello
Per essere ammessi ad un corso di diploma accademico di secondo livello è necessario possedere all'atto dell'immatricolazione uno dei titoli elencati di seguito:
• un diploma di conservatorio dell’ordinamento previgente (congiuntamente ad un diploma di scuola secondaria superiore o ad un altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo);
• un diploma accademico di primo livello;
• un titolo accademico di primo livello conseguito all’estero;
• una laurea dell’ordinamento previgente;
• una laure a triennale;
• una laurea conseguita all’estero.
È ammessa l’immatricolazione con riserva per gli studenti che all’atto dell’immatricolazione non siano ancora in possesso di uno dei titoli richiesti ma che lo conseguano entro l’ultima sessione dell’anno accademico precedente a quello di immatricolazione.
Gli studenti che non accedono con il corrispondente titolo accademico di primo livello conseguito presso il Conservatorio di Vicenza potranno essere ammessi con attribuzione di debiti formativi da assolvere prima di sostenere esami relativi alla disciplina di riferimento presente nei corsi accademici. Si rinvia al Regolamento Riconoscimento Crediti e Debiti per ulteriori informazioni.

Programma esame di selezione:

L’esame prevede l’esecuzione di:
1) due studi, di cui almeno uno di carattere brillante;
2) programma libero di durata non inferiore ai 20 minuti e non superiore ai 25;
3) due arie o scene d'opera, possibilmente di epoche diverse: le arie saranno eseguite nella loro parte pianistica e, secondo le possibilità del candidato, anche in quella vocale (l'accenno della linea vocale è sufficiente); in alternativa, a una delle due arie o scene, il candidato può eseguire (senza che ciò costituisca indirizzo per il futuro studio) un Lied dal repertorio tedesco o una Mélodie dal repertorio francese (la prova è finalizzata ad accertare eventuali competenze linguistiche);
4) prova di lettura a prima vista di un brano assegnato dalla commissione.
La commissione si riserva la facoltà di ascoltare il programma nella sua interezza o limitatamente ad alcuni brani.
Inoltre, è richiesta la presentazione di un curriculum vitae che attesti l'eventuale attività di studio, artistica e didattica svolta.
CRITERI DI VALUTAZIONE
Padronanza tecnica
• Meccanismo /Articolazione
• Fraseggio e dinamica
Esecuzione
• Individuazione della struttura armonica essenziale
• Individuazione della dinamica ritmica principale
• Individuazione dei moduli melodici fondamentali
• Sintesi coerente in esecuzione delle strutture melodico-armonico-ritmiche
Lettura
• Esecuzione estemporanea
• Scelta del tempo
• Riproduzione delle parti vocali singole e complessivamente nella dinamica esecutiva
Interpretazione
• Differenziazione stilistica
• Comprensione specificità compositiva
• Capacità di inserimento dell’agogica, funzionale all’esecuzione